zeldathemes
La mia solitudine non dipende dalla presenza o assenza di persone; al contrario, io odio chi ruba la mia solitudine, senza, in cambio, offrirmi una vera compagnia.
F. Nietzsche.  (via toanywhere)
A chi vuole davvero cambiare le cose,
a chi ha avuto dalla vita più spine che rose.
Ormai l’amore è diventato un gioco. Ora già a 10 anni si da il primo bacio e se a 15 anni sei ancora vergine sei uno sfigato. Viviamo nel periodo del finto amore, dove si ama solo per sentirsi più grandi o falsamente amati. Ma c’è qualcuno rimasto in questo mondo che pensi che l’amore non sia fatto solo di sesso o di finti fidanzati? L’amore non è un gioco, non ci si scherza. L’amore va vissuto, provato sulla propria pelle, amato.

lovealwayssurvives (via lovealwayssurvives)

E’ la fottuta verità. Io non mi ci trovo in questo mondo. Io ho quindici anni e non ancora dato il primo bacio.

(via ddreamwithyou)

thatnellykid:

[source: part 1, part 2]

In Australia, call 13 11 14

In New Zealand, call 0800 543 354

In the US, call 1 800 273 8255

In the UK, call 0800 068 41 41

justinbieber:

Justinbieber's #selfie on Shots

justinbieber:

Justinbieber's #selfie on Shots

fredda-come-ghiaccio:


The Fault In Our Stars

Piccolino..

fredda-come-ghiaccio:

The Fault In Our Stars

Piccolino..

sentimentiassenti:

quattordiciottobre:

«Signor Van Houten, io sono una brava persona ma uno scrittore di merda, lei è una persona di merda ma un bravo scrittore, penso che insieme faremmo una bella coppia.
Non voglio chiederle favori ma se ha tempo, e da quanto ho visto ne ha molto, per favore mi corregga questo:
è un elogio funebre per Hazel.
Lei mi ha chiesto di scriverne uno e io ci provo, solo che ci vorrebbe un po’ di stile. Vede il fatto è che tutti vogliamo essere ricordati ma Hazel è diversa. Hazel conosce la verità, non voleva un milione di ammiratori, ne voleva uno, e lo ha avuto. Forse non è stata amata da molti ma è stata amata profondamente e questo non è più di quanto aspetti a molti di noi.
Quando Hazel stava male io sapevo già di dover morire ma non ho voluto dirglielo. Lei era in terapia intensiva e sono sgattaiolato dentro e per dieci minuti sono stato accanto a lei prima che mi beccassero.
Aveva gli occhi chiusi, era pallida, ma le mani erano ancora le sue mani, ancora calde, e le unghie erano dipinte di un colore blu notte, e io le ho tenute tra le mie e mi sono forzato di immaginare un mondo senza di noi e che mondo senza valore sarebbe stato.
E’ così bella, non ti stanchi mai di guardarla, non ti preoccupi se è più intelligente di te perché sai che lo è, è spiritosa senza essere cattiva. Io la amo, dio se la amo, sono così fortunato di amarla Van Houten.
Non puoi scegliere di non soffrire a questo mondo però puoi scegliere per chi soffrire e a me piace la mia scelta. Spero che a Hazel piaccia la propria. Okay Hazel Grace?»

Colpa delle stelle

div>